Le esposizioni avicole sono organizzate dalle associazioni avicole aderenti alla F.I.A.V., e nel caso dei Campionati Italiani di Avicoltura dalla F.I.A.V. stessa.

Ogni manifestazione viene gestita da un Comitato Organizzatore, il quale diffonde un Regolamento al quale bisogna scrupolosamente attenersi se si vuole partecipare.

Generalmente l’ingabbio si effettua durante la giornata del giovedì. Alla segreteria del Comitato Organizzatore bisogna consegnare:

  • il Modello 12 e il Modello 4 rosa, debitamente compilati e timbrati.
  • Versare la quota di iscrizione.
  • Gli animali che abbiamo deciso di esporre, i quali dovranno essere regolarmente anellati e ovviamente in buona salute.

I soggetti verranno ingabbiati dal personale dell’esposizione, il quale si occuperà anche dell’alimentazione e del benessere degli animali durante tutto l’arco della manifestazione.

Nella giornata di venerdì allevatori e pubblico non avranno accesso all’esposizione. Durante questa giornata infatti i soggetti verranno esaminati dai giudici, che valuteranno pregi e difetti degli avicoli esposti.

Il sabato e la domenica l’esposizione è aperta al pubblico e agli allevatori che troveranno sopra le gabbie di ogni soggetto il giudizio espresso dai giudici. Nel pomeriggio della domenica sarà possibile effettuare lo sgabbio e riprendere i propri soggetti.

Spesso durante le esposizioni avicole viene allestita un’area di scambio, dove è possibile trovare soggetti non sottoposti a giudizio. Come per gli animali in esposizione, quelli destinati allo scambio dovranno essere presentati nella giornata di giovedì con il Modello 12 e il Modello 4 rosa, essere regolarmente anellati e in buona salute.